//A pranzo con Rashid – di Barbara Armani

A pranzo con Rashid – di Barbara Armani

.

.

.

.

.

.

 

 A Bologna nel corso del 2016 la Caritas Diocesana della città ha risposto all’appello di Papa Francesco di accogliere le famiglie di profughi, come espressione concreta della Parola del Vangelo.

E’ così nato il progetto “Pro-tetto rifugiato a casa mia”, che si pone come primo obiettivo il cambio culturale delle comunità attraverso l’accoglienza, nella convinzione che solo l’incontro, la conoscenza reciproca e le relazioni possono costruire nuovi modi di stare insieme superando le paure. La famiglia viene considerata luogo privilegiato di relazione. (1)

Il portfolio “A pranzo con Rashid” racconta la storia di una delle famiglie che hanno aderito al progetto “Pro-tetto”: Claudia e Cristiano hanno accolto nella loro casa Rashid, un ragazzo di 25 anni originario del Benin, un piccolo paese dell’Africa Occidentale, giunto in Italia nel 2015.

L’esperienza di Claudia e Cristiano, come “famiglia tutor” è considerata una delle storie di maggior successo per il progetto “Pro-tetto”. Rashid ha vissuto in casa con Claudia e Cristiano per 8 mesi, integrandosi nel nucleo familiare e nella loro vita quotidiana: le pulizie di casa, l’accudimento dei gatti, l’aiuto nella preparazione del pranzo sono alcune delle attività che Rashid ha praticato nei mesi di accoglienza.

L’accoglienza si è trasformata scambio culturale e in amicizia; ancora oggi, mesi dopo la fine del periodo di tutoraggio, Claudia e Cristiano sono un riferimento importante per Rashid.

Quando chiedo a Rashid un pensiero su questa sua nuova famiglia, mi risponde: “con questa famiglia ho fatto un’amicizia vera, che rimarrà per sempre, non solo con loro ma anche con le rispettive famiglie di amici. Siamo ancora in contatto, mi dicono che gli manco, mi invitano. Anche se all’inizio mi sembrava difficile riuscire a fare amicizia, poi è scattata una simpatia reciproca”.

 

Barbara Armani
Animatore Culturale FIAF

 

 

A pranzo con Rashid

di Barbara Armani

 

 













 

 

 

Fonte: Agorà di Cult