//“Alba” Calendario Tematico CFCVA 2019 – Cine Foto Club Vanni Andreoni BFI

“Alba” Calendario Tematico CFCVA 2019 – Cine Foto Club Vanni Andreoni BFI

“Alba” Calendario Tematico CFCVA 2019 – Cine Foto Club Vanni Andreoni BFI

 

Caro Silvano,

ti trasmetto il calendario tematico 2019 “Alba”, prodotto dal Cine Foto Club Vanni Andreoni di Reggio Calabria.

Per il quinto anno consecutivo, i soci di questo sodalizio si cimentano con questa esperienza.

Il tema prescelto, è lo stesso proposto da Agorà di Cult per l’anno 2018.

Per il nostro circolo, i temi di Agorà di Cult Capolinea e Alba, fatti propri per gli ultimi due calendari, assumono un significato particolare, considerato che il 4 febbraio 2019 ricorre il cinquantenario della sua fondazione: il tema capolinea, può intendersi un significativo punto di arrivo; il tema alba, invece, lo intendiamo di buon auspicio per una nuova rinascita e rilancio del Club, ed è ciò che tutti ci auguriamo e che ci sforziamo di attuare con tutte le nostre forze.

Tra le tante immagini proposte per la realizzazione del calendario, ne sono state selezionate 14 di altrettanti autori.

Ovviamente, di un progetto eseguito a più mani, i cui autori hanno esperienze, cultura, attitudini, colpo d’occhio, sensibilità diversi tra di loro, è difficile aspettarsi una omogeneità assoluta del risultato finale. Ma, forse, uno dei pregi del calendario, può essere quello della varietà di visioni e di interpretazioni dell’alba da parte dei 14 autori: alba come evento diuturno naturale; alba come risveglio della natura e inizio di una nuova giornata di vita; alba come evento astronomico; alba come evento naturale, ma che, a volte, crea disagi come l’eruzione di un vulcano; alba in musica, come evento di festeggiamenti patronali di una città; alba interpretata, come eventi umani.

Le albe del calendario sono state riprese, prevalentemente, nelle regioni Calabria e Sicilia, oltre che in Romania e negli USA.

Un abbraccio.

Reggio Calabria 08.11.2018

 

Il Presidente

Pantaleo Fiumara

 















Fonte: Agorà di Cult