//CAPOLINEA, disponibile la pubblicazione del laboratorio della Bottega

CAPOLINEA, disponibile la pubblicazione del laboratorio della Bottega

Il laboratorio fotografico

Con le scuole ne conduco molti, dalle materne agli istituti superiori,coinvolgendo i ragazzi che si appropriano della tecnica fotografica che usano per svolgere in libertà un tema dato,approdando alla mostra tematica finale.Nel gruppo La Bottega Photographica è tutto un altro mondo,non ho nulla da insegnare a livello tecnico Con le scuole ne conduco molti, dalle materne agli istituti superiori, coinvolgendo i ragazzi che si appropriano della tecnica fotografica che usano per svolgere in libertà un tema dato, approdando alla mostra tematica finale. Nel gruppo La Bottega Photographica è tutto un altro mondo, non ho nulla da insegnare a livello tecnico (anzi ho da imparare) ma Il Laboratorio è stato proposto anche qui a livello nazionale dal Dipartimento Cultura FIAF magistralmente guidato dal Direttore Silvano Bicocchi. Il percorso collettivo sviluppato individualmente dura sette/otto mesi, è dato un tema unico, vengono chiamati fotografi o gruppi che hanno già lavorato per approfondire gli eventuali sviluppi sotto l’occhio attento e sempre pronto a consigli (se richiesti) di Silvano. Ogni gruppo, ogni Socio, parte con un proprio percorso guidato in modo neutrale e senza interferenze dal Coordinatore, in questo caso, io. La libertà espressiva, il “Tutoraggio” del proprio lavoro solo se richiesto, il confronto nelle serate dedicate ai lavori di tutti i soci hanno reso la formula vincente. “Capolinea” ha avuto per La Bottega Photographica il più alto numero di partecipanti fin ora sviluppato in un progetto collettivo, ha coinvolto in egual modo autori storici e nuovi soci freschi di corso, tutti sullo stesso piano… tutti con lavori emotivamente coinvolgenti passando dalla tragedia all’ironia con eleganza formale che contraddistingue ogni singolo autore. Una spinta fortemente stimolante per il gruppo che è cresciuto durante il lavoro condiviso come collettivo e come singoli. Un ringraziamento dovuto a Silvano Bicocchi per l’idea e l’attuazione dei Laboratori Di Cult in buona parte delle regioni Italiane, ai collaboratori del Dipartimento Cultura FIAF, ai Coordinatori di tutti gli altri Laboratori che con la pubblicazione su Agorà di Cult ci hanno mostrato strada facendo le diverse vie che la parola Capolinea poteva prendere, in particolare grazie al Gruppo Fotografico Grandangolo di Carpi e ai suoi coordinatori Danilo Baraldi, Gabriele Bartoli, Renza Grossi e Valeria Cremaschi e al Gruppo Fotografico Color’s Light di Colorno e al suo presiedente Gigi Montali per avere condiviso serate ed iniziative risultate fondamentali nello svolgimento e nella conclusione così fortemente sentita del Laboratorio da spingere i soci a richiedere la pubblicazione di questo catalogo, per ultimi (ma sono i primi) a tutti e quindici i partecipanti che mi hanno seguito nelle varie serate… creando un clima di collaborazione e di unione senza precedenti. Grazie a tutti, la strada è segnata ora continuiamo a seguirne la rotta…

Monica Benassi
presidente di La Bottega Photographica di Boretto (RE)

 Capolinea è un tema molto potente, in ognuno di noi può scatenare emozioni, sentimenti, sensazioni differenti. Ho avuto l’occasione di vedere la crescita dei progetti e l’entusiasmo dei ragazzi de La Bottega Photographica. Quindici autori, quindici percorsi molto differenti, dei punti di vista che sottolineano il vero ruolo della fotografia: la fotografia deve far riflettere, discutere, porre domande e incuriosire. Quindici autori, la maggior parte dei quali alla prima esperienza di laboratorio, che si sono messi alla prova, hanno condiviso i loro progetti e il risultato lo possiamo toccare con mano.