//“CODICI SEGRETI” – di Valentina Lucchinelli

“CODICI SEGRETI” – di Valentina Lucchinelli

.

.

.

.

.

.

.

La ex-base NATO del Monte Giogo faceva parte di un link strategico per le radiocomunicazioni, denominato ACE-HIGH Network, che collegava tra di loro e con i centri decisionali e di comando, tutti i Radar Remoti posti sui confini est dell’Alleanza Atlantica.

La rete iniziava nell’estremo nord della Norvegia con la stazione di Hoggumpen (Senia Tail) e si estendeva a sud fino alla stazione di Mardin, nella Turchia sud-orientale.

Di questa rete facevano parte anche alcune stazioni presenti sul territorio italiano tra cui anche questa del Monte Giogo, nel comune di Comano (Massa Carrara).

Inserita nell’affascinante paesaggio dell’appennino Tosco-Emiliano, la base fu progettata nel 1956, iniziò la sua attività nel 1960 ed è rimasta attiva fino agli anni ’90, quando è stata abbandonata.

La stazione, costituita da quattro enormi antenne paraboliche, era una “troposcatter”, serviva cioè da ponte di comunicazione militare durante la guerra fredda e da cui venivano trasmessi codici criptati diretti a tutte le basi Nato del Mediterraneo.

Oltre le parabole, sono ancora presenti alcuni edifici, adibiti a locali di lavoro, abitazione per il corpo militare e locali tecnici.

Attualmente la base si trova in uno stato di estremo degrado, causato da atti vandalici e dall’abbandono, senza interventi di manutenzione atti a conservarla.

Resta comunque un’importante testimonianza storica, oltre ad offrire al visitatore un’atmosfera surreale ed insolita.

 

 

CODICI SEGRETI

di Valentina Lucchinelli

 














 

 

 

Fonte: Agorà di Cult