//I LAB Di Cult FIAF “L’effimero e l’eterno” al Giro di boa – a cura del Direttore Silvano Bicocchi

I LAB Di Cult FIAF “L’effimero e l’eterno” al Giro di boa – a cura del Direttore Silvano Bicocchi

.

 

.

 

.

 

.

 

Sassoferrato/06/2019_ Inaugurazione delle mostre dei LAB Di Cult a FacePhotonews

 

I LAB Di Cult FIAF “L’effimero e l’eterno” al Giro di boa

 

A un anno dall’annuncio del tema su Agorà Di Cult, il 09 settembre 2018, ci troviamo al “giro di boa” che vede la maggior parte dei Laboratori con i lavori terminati realizzazione delle opere; sono già stati fatti due Concorsi a lettura di portfolio, e inizia la stagione delle mostre che si prolungherà fino a fine anno. Restano alcuni Laboratori avviati a metà del 2019 che si protrarranno oltre anche nell’esperienza espositiva.

In questa edizione ci siamo dati i tempi giusti perché l’esperienza creativa potesse essere piacevole per gli esperti e serena per chi ha iniziato questo esercizio. Ormai nell’esperienza sono sempre più chiari o momenti strutturali che regolano i tempi del Laboratorio:

  • 1) La formazione del Laboratorio con l’autocandidatura dei Coordinatori presentata al Direttore del Di Cult.
  • 2) L’elaborazione del Concept in ogni Laboratorio e la condivisione su Agorà Di Cult.
  • 3) Il Tutoraggio durante la gestazione delle opere nei laboratori e poi quello conclusivo di verifica finale.
  • 4) La mostra locale delle opere prodotte.
  • 5) L’esposizione delle opere (proiettate o esposte) nei festival collegati al Dipartimento Cultura FIAF.
  • 6) La partecipazione ai Concorsi che presentano la sezione al tema dell’anno.
  • 7) La produzione del Catalogo in formato pdf e la sua condivisione su Agorà Di Cult.

“L’effimero e l’eterno” è stata la quarta edizione dei LAB Di Cult FIAF ( dopo: Il silenzio – Capolinea – La Famiglia in Italia) e il suo percorso segna delle evoluzioni molto importanti:

  • La crescita personale davvero importante dei Coordinatori dei Laboratori, con:
    • L’elaborazione del concept tematico condotta su Agorà Di Cult dai Coordinatori dei Laboratori.
    • La realizzazione della propria opera anche da parte dei Coordinatori dei Laboratori.
  • La crescita dei Tutor operanti nei Laboratori che si dimostrano una figura fondamentale per la persona che lo interpreta e per il Laboratorio stesso.
  • La crescita artistica dei fotografi che hanno partecipato alle diverse edizioni dei LAB Di Cult FIAF.
  • La collaborazione con il Dipartimento Didattica FIAF in Toscana con il contributo nell’elaborazione del concept. e nel Tutoraggio.
  • La condivisione del tema da parte del DIAF che ha allargato il genere d’opera anche all’audiovisivo.
  • L’aumento del numero dei Laboratori, da 18 (della Famiglia in Italia) a 26.
  • L’aumento delle Regioni presenti, che da 7 (da nord a sud: Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Liguria, Marche, Umbria) sono diventate 8 con l’ingresso della Regione Campania.

 

Sestri Levante 13/07/2019_ Riflessione sull’esperienza del Laboratorio Di Cult.

 

Tutto questo è stato possibile solo perché le varie componenti della FIAF (Circoli fotografici, Soci singoli, Dipartimenti) spinte dal sentimento d’appartenenza alla stessa federazione, hanno iniziato a guardare dal locale verso la dimensione nazionale della FIAF. Ritengo che i punti che hanno incoraggiato questa crescita siano i seguenti:

  • La libertà di gestire il Laboratorio secondo le esigenze e mentalità locali, pur rispettando il Regolamento.
  • La prospettiva che il lavoro locale trovi visibilità nelle manifestazioni nazionali e nel WEB (processo di glocalizzazione).
  • L’arricchimento umano e culturale che nasce dalla conoscenza tra i Laboratori, numerose sono le nuove conoscenze e amicizie nate in questi anni.
  • La maturazione dei Coordinatori artistici che oggi sono figure che hanno raggiunto una maturità espressiva e organizzativa prima inesistente.
  • L’avvio al Tutoraggio di nuovi fotografi all’interno del singolo laboratorio, che si rivela un fondamentale inizio di percorso e allargamento della condivisione nel coordinamento del laboratorio.
  • Con queste qualità il LAB Di Cult FIAF è diventato, per i giovani e non solo, un modo interessante per entrare nel mondo FIAF.

 

 

Ognuno di questi punti può essere materia di approfondimento e non mancheranno i momenti d’incontro che permetteranno di farlo pubblicamente; vi invito a iniziare qua su Agorà Di Cult ad esporre il vostro parere postando commenti.

Vi informo che ci sarà un incontro importante a FOTO CONFRONTI al CIFA di Bibbiena 21 e 22/09:

  • sabato 21/09 alle 11:00 incontro tra i coordinatori e partecipanti ai Laboratori per condividere le proprie esperienze.
  • Nel Concorso a  Lettura di portfolio, parte di Portfolio Italia, ci sarà la sezione tematica “L’effimero e l’eterno”, anche questa è una ricca ragione per partecipare.

Auguro a tutti i LAB Di Cult FIAF di trarre dalle mostre e dai concorsi le migliori soddisfazioni.

 

Un cordialissimo saluto

Silvano Bicocchi
Direttore del Dipartimento Cultura FIAF

 

Regolamento dei LAB Di Cult_03  (pdf scaricabile del Regolamento dei Lab Di Cult)

 

Mostra a FacePhotoNews

di Sassoferrato (AN)

 

Installazione con Proiezione no stop

a Sestri levante

Fonte: Agorà di Cult