//L’EFFIMERO E L’ETERNO – Elaborazione del Concept _08

L’EFFIMERO E L’ETERNO – Elaborazione del Concept _08

.

 

.

 

.

 

 

 

L’EFFIMERO E L’ETERNO –
Elaborazione del Concept _08 –
a cura Coordinatori Claudia Ioan & Massimiliano Tuveri

 

 

LAB FIAF DI CULT 050 UMBRIA

Coordinatori: Claudia Ioan & Massimiliano Tuveri
Tutor Fotografici FIAF
Docenti FIAF

 

“Forever – is composed of Nows –

‘Tis not a different time –

Except for Infiniteness –

And Latitude of Home –“

(Il sempre – è fatto di attimi presenti –

Non è un tempo diverso –

Se non per l’infinito –

E per la latitudine di casa -)

Forever – is composed of Nows – (690)

Emily Dickinson

 

Così scriveva Emily Dickinson nel suo componimento n° 690, con quell’intuito visionario e intimistico e soprattutto quella scrittura frammentaria che procedeva per immagini sospese che tanto la caratterizzava. Una scrittura che l’avrebbe condannata ad essere troppo moderna per la sua epoca, isolandola ancor più all’interno di se stessa e del suo universo mentale.

In questi versi troviamo un “sempre”, o un “per sempre”, che si compone di infiniti attimi di presente, in una dimensione di tempo dilatato che travalica qualsiasi orizzonte individuale.

Ed ecco che il tempo dell’istante si somma a tutti gli altri senza soluzione di continuità, illimitatamente, formando un eterno scomponibile in microscopiche – caduche – variabili individuali fuse nel loro fluire inevitabile.

 

Partendo da questa base di riflessione, è inevitabile giungere anche al personale e al quotidiano (“the Latitude of Home”). L’effimero e l’eterno sono divenuti infatti i due termini compresenti di quella che in lessicografia si chiama “collocazione” o “co-occorrenza”: una combinazione privilegiata di due parole, consolidata dall’uso. Al ricorrere di un termine, l’altro co-occorre, e insieme spiegano immediatamente e meglio concetti che richiederebbero più parole, favorendo la comunicazione.

L’effimero e l’eterno ci accompagnano ovunque, in un binomio inscindibile che innesca considerazioni – e sollecitazioni psicologiche – profonde.

 

Effimero ed eterno.

L’uomo passa mentre i luoghi restano, testimoni, a volte involontari, della storia.

 

Alexey Titarenko – City Of Shadows

Questo concetto è ben rappresentato in fotografia, e il primo esempio che viene alla mente è CITY OF SHADOWS, del fotografo Alexey Titarenko: questo lavoro è la sintesi di alcuni anni  di fotografia caratterizzata d una combinazione particolare di elementi, tra cui lunga esposizione, movimento intenzionale della fotocamera e tecniche creative in camera oscura, che rappresentano la cifra stilistica di Titarenko, immediatamente riconoscibile.

Nelle sue fotografie, la città, spesso San Pietroburgo, resta, solida, cupa, forte, incisa dalla lunga esposizione; mentre la folla di esseri umani che la abitano si riduce a un popolo di ombre di cui spesso è possibile percepire solo il rapido passaggio. Non a caso, ricorrono le stazioni, simbolicamente, a evocare ulteriormente il viaggio terreno.

 

Anni più tardi, Matt Black indaga i capitoli più oscuri della storia e le sue tracce permanenti: in MEMENTO PARK il fotografo indaga le vestigia scomode della storia conservate e rese eterne dai monumenti, inserite all’interno del tessuto cittadino di Budapest, Ungheria, di cui sono diventate parte integrante e inevitabile per i suoi abitanti. Anche per coloro che vorrebbero dimenticare.

La storia passata, superata, si trasforma in lezione di storia. Viene resa eterna, ineludibile, visibile, immobile.

Dalla pietra alla fiamma, dalla materia all’assenza di materia tangibile, che pure permane: esiste infatti in molti luoghi del mondo la Fiamma Eterna, che può essere naturale (come nel Chestnut Ridge County Park, a sud della città di Buffalo, nello Stato di New York: all’interno di questa riserva naturale si trova una piccola cascata dietro la quale si nasconde l’Eternal Flame, una fiammella che non si spegne mai), oppure artificiale, alimentata dall’uomo, con grande carico simbolico. Ne esistono solo due, in Italia.

 

Eternal Flame

 

Eve Arnold

Anche il linguaggio della fotografia documentaria contemporanea può ben prestarsi a declinare il tema dell’effimero e l’eterno.

“SVALBARD GLOBAL SEED VAULT” è il titolo di un lavoro del fotografo Jonas Bendiksen, ed è anche un sito incredibilmente remoto, in cui si cerca di sconfiggere la caducità e la fragilità di ciò che è terreno tra i ghiacci di uno degli angoli più a nord in cui l’uomo sappia immaginare di vivere. Tra mura di cemento, in un bunker completamente ghiacciato, sotterraneo, si custodiscono un milione di semi, provenienti da tutte le parti del globo, che consentiranno di riprodurre le colture esistenti anche in un futuro scenario di post-catastrofe locale o planetaria.

Ciò che è minimo qui perdura, attraversando il tempo e ogni ipotesi di distruzione.

La letteratura aiuta sempre a ricollegare l’umano a qualche dimensione superiore o semplicemente più ampia di ciò che è meramente terreno.

Si pensi a questi versi di Wislawa Szymborska, Premio Nobel per la Letteratura:

 

“La gioia di scrivere.

Il potere di perpetuare.

La vendetta di una mano mortale.”

 

L’arte, dunque – la parola, la pittura, la fotografia – come creazione duratura, come sconfitta della caducità per mano del suo autore. L’arte come permanenza, fruibile nel tempo da chi verrà.

 

Ma la vita umana è fatta anche di dettagli impermanenti, che la definiscono come esperienza assolutamente individuale, all’interno di uno schema di vita comune a tutti.

La fotografa giapponese Rinko Kawauchi ci riporta, come la Szymborska, all’unicità e

insieme universalità dell’esperienza terrena individuale nel suo lavoro dal titolo ILLUMINANCE.

Le sue fotografie sono scattate in 6×6 con una Rolleiflex, e sono sempre garbate ed eleganti, con crome e tonalità luminose, prevalentemente fredde.

 

Rinko Kawauchi – Illuminance

ILLUMINANCE raccoglie immagini scattate nell’arco di quindici anni: un insieme di bagliori, di luce, di dettagli della natura che rimandano al ciclo vitale eventi per natura transitori che si collegano gli uni agli altri in combinazioni sorprendenti, fissando la vita nel suo svolgersi e dandole una forma compiuta in un tutto armonioso.

Tra questa folla di istanti di vita, possiamo scrutare attraverso vita e morte come parte della vita stessa, e perfino ricostruire un percorso ideale dalla nascita dall’acqua fino all’ascesa verso la luce. Un cerchio perfetto, estremamente orientale, in cui gli elementi complementari ricompongono il tutto.

 

È facile volgere la mente all’infinito.

L’infinito in terra, anche; e cercare tracce che possano dimostrarsi salde, per sconfiggere il tempo.

In molti hanno esplorato visivamente il tema dell’infinito e della microscopicità dell’uomo, evocando suggestioni intense, e riducendo spesso l’uomo a una creatura di dimensioni infinitesimali, che la fotografia, come il cinema, ben raccontano.

 

Per chiudere le nostre riflessioni, una citazione classica:

 

Alice: -“How long is forever?”
White Rabbit: “Sometimes, just one second.”

Lewis Carroll, Alice in Wonderland

Lewis Carroll

 

Fonte: Agorà di Cult