//Pausa Estiva 2019 – di Silvano Bicocchi

Pausa Estiva 2019 – di Silvano Bicocchi

.

 

.

 

.

 

.

 

 

 

 

Pausa Estiva 2019

 

La pausa estiva giunge nell’eccitazione della proiezione al festival la “Penisola di luce – Lanfranco Colombo” di Sestri Levante delle opere prodotte da gran parte dei Laboratori del Dipartimento Cultura FIAF. Siamo ormai entrati in un periodo di ritmo ridotto, quindi anche Agorà Di Cult limita la propria attività:

  • Solo alla domenica fino alla fine del mese d’Agosto.

E’ un buon compromesso per mantenere il nostro appuntamento settimanale in un periodo di ferie dove la frequentazione del blog diminuisce per lasciare spazio giustamente ad altri ritmi, quelli della vacanza.

 

Ogni qualvolta si progetta un’attività che coinvolge i Laboratori inevitabilmente si devono affrontare i problemi che pongono grandi numeri. Si voleva, per “La penisola di luce – Lanfranco Colombo” fare una proiezione di qualche Laboratorio sul tema de “L’effimero e l’eterno” e con la partecipazione di 20 Laboratori di 8 Regioni e ne è uscito un lungometraggio (105 minuti) con notevole lavoro di Barbara Armani e Piero ai quali va il nostro plauso per lo splendido lavoro svolto.

Tanti sono gli aspetti che qualificano un progetto fotografico a tema dato, ma quello che raramente viene valorizzato è il complesso dei contenuti che le opere comunicano e quindi le declinazioni tematiche con le quali è stato affrontato il tema. Al fine di dare un primo assaggio di quello che in questa seconda presentazione (dopo Sassoferrato) ne è uscito, ho raccolto questo elenco schematico degli aspetti che sono stati trattati:

Dimensione collettiva : La ciclicità esistenziale di tutti gli esseri viventi; Il naturale; L’artificiale; L’archetipo; La memoria; I siti archeologici; Il trascendente; La guerra e i sacrari; Il perpetuarsi della legge di Natura, indifferente alla storia umana;
Dimensione individuale: Il dramma del nascere e morire; Le stagioni della vita e la morte; Il richiamo del passato; Il dramma della malattia; I mutamenti del corpo; I vizi e le dipendenze; La dimensione sospesa del viaggiare; La vita di coppia e la scomparsa dell’amato; L’amore per l’animale.
Dimensione della natura umana: La procreazione; I passaggi generazionali; Il dramma dell’esistenza a termine; La violenza sulla donna;  La solidarietà; La ribellione; Il sogno; Le pulsioni dall’istante all’eterno; Il mistero dell’alterità.
Dimensione artistica: La percezione e il simbolo; La fragilità della bellezza; Le cose che restano e il simulacro; L’imbalsamazione; L’usura di senso del simbolo e la sua morte; L’apparire e l’essere/la maschera e l’identità; La realtà e l’apparenza; Il fotografico rivelatore del fugace; L’incompiuto; L’evanescente; L’iperreale; Il ritorno del morto; Il flash back; La sparizione dal mondo e l’oblio; L’eterno che è nell’effimero; La sospensione dei sentimenti; Le passioni portano all’eterno;
Come vedete “L’effimero e l’eterno” ha messo in moto l’immaginario creativo dei partecipanti ai LAB Di Cult FIAF  e dato l’occasione di tornare riflettere su aspetti profondi della nostra vita e di quella del mondo. Metto alcune fotografie perché un elenco è riduttivo del risultato conseguito, non metto il nome degli autori così non genero diseguaglianze e spero di accendere curiosità.
Auguro a Tutti Buone Vacanze.
.
Silvano Bicocchi
Direttore del Dipartimento Cultura FIAF 
.
.
 Immagini random


















.
.
Installazione a “Penisola di luce” di visione delle opere dei Laboratori

 

Fonte: Agorà di Cult